Vendere online: modello Amazon, trend e mercati locali

Vendere online non è solo e-commerce; tuttavia tutto nasce e si evolve da qui: dal commercio elettronico quale settore del sistema internazionale, non più una mera alternativa marginale alla vendita tradizionale.

Quando pensiamo all’e-commerce il primo esempio che ci viene in mente è Amazon. Controverso o no che sia il giudizio sul grande colosso mondiale -di logistica e distribuzione-, risulta innegabile il contribuito all’attuale modello di sviluppo che la società produttiva insegue.

Modello Amazon

In 26 anni di attività ha scritto e riscritto il proprio business, modellandosi sui bisogni di una società in continua trasformazione. Forse non tutti lo ricordano ma ai suoi albori l’unico obiettivo era semplicemente vendere online libri.

Vantaggio competitivo: vendere online come il centro commerciale in assoluto più sviluppato

  • Dotato di centri logistici sparsi su tutto il globo terrestre
  • Vanta milioni di abbonati ai servizi esclusivi di Prime
  • Registra una crescita costante ed esponenziale di dipendenti
  • Offre servizi alle persone, alle aziende e ai professionisti attraverso business collaterali
  • Gode di un alto livello di affidabilità sui mercati azionari (10 mila dollari investiti alla fine degli anni ‘90 oggi equivalgono a quasi 8 mln di dollari)

La multinazionale di Bezos non vende solo prodotti (non è il caso di ripetersi, in questo post e nei precedenti abbiamo già ampiamente discusso su come cambia l’utente smart e la costruzione del suo bisogno nell’era digitale). Ciò che vogliamo far emergere, in questo contributo sono i fattori che la rendono modello di business alla quale ispirarsi.

“Noi generalmente cambiamo noi stessi per due ragioni: ispirazione o disperazione.”

JIM ROHN

Guadagna dall’unione

  • Solo recentemente ha iniziato a produrre prodotti del proprio marchio (Alexa e A. Basic, per esempio) poiché fondamentalmente incentrata alla vendita di prodotti di privati o aziende terze.
  • La sua grande forza è la capacità di distribuzione, grazie all’evolutissima catena logistica che ha messo in piedi.

Attenzione al singolo

  • L’homepage da sempre minimale e immediata ha permesso all’internauta di trovare l’introvabile.
  • Veloce, semplice e affidabile. Non sono mai stati slogan ma certezze
  • Finanche le controversie, i resi (e le consegne stesse) sono focalizzate sulla supremazia dell’acquirente.
  • Fidelizzazione costante che va a braccetto con i servizi che offre, ma soprattutto con una customer-friendly sorretta dalla presenza h/24 del personale di assistenza.

Il negozio online di tutti per tutti

  • Grandi e piccoli marchi, artigiani e produttori locali possono aderire ai tanti programmi di affiliazione e vendere direttamente agli utenti di Amazon.

Conversion rate senza eguali

  • Su 100 iscritti ai servizi della piattaforma 74 finalizzano un acquisto.

Ascolta ciò che il mercato ha da dire

Con estrema probabilità la sua forza è dovuta anche all’enorme quantità di dati che raccoglie ed elabora. Abbiamo iniziato a comprendere più vividamente la reale importanza dei dati che produciamo navigando sul web dopo l’emanazione del The General Data Protection Regulation (GDPR) ma forse non ancora del tutto.

Social network, i social media e la comunicazione di massa più in generale, si reggono sulla user-generated content mentre il mercato (aziende e regole di produzione) crea e diffonde con estrema certezza ciò che abbiamo manifestamente espresso di voler comprare (con i nostri dati personali, ovviamente).

Trend e mercati locali

Non è un caso che quello dei dati (Big Data) sia uno dei settori più redditizi di sempre. Avere con certezza la capacità di prevedere cosa la gente comprerà, come è abituata a farlo, come preferisce pagare; in un contesto ultra-competitivo come questo, significa riuscire a prevedere con piccoli margini di scarto la crescita del proprio business.

Quello che prima era unico appannaggio dei grandi dell’economia oggi è alla portata di tutti. Statistiche ed elaborazioni dati sono ancora l’ABC del project management e buona parte di queste possono essere sfruttate con astuzia. Di siti tematici, blog di settore e analisti professionisti, “Google” ne è pieno, ma se prima di tutto non si è disposti ad ascoltare questa quantità inesauribile di dati potrebbe non servire a nulla.

Per sopravvivere il mercato è chiamato a ricalcare quella stessa attitudine di negozianti e commercianti: accettare le critiche, le richieste strambe o le personalizzazioni.
Internet, social media, realtà virtuale e intelligenza artificiale sono facce del poliedro che è il mondo contemporaneo. Distribuzione, vendita, pagamenti, tutto è cambiato, non possiamo più tergiversare.

Cosa dicono i dati sull’e-commerce
  • La gente preferisce effettuare i propri acquisti dal cellulare (vendite online in 7 anni triplicate Statista, 2019)
  • Non c’è più distinzione di età tra un’acquirente e l’altro, l’acceleratore Covid-19 ha segnato un punto di non ritorno anche sotto questo punto di vista
  • Scelgono prodotti vieppiù locali e salutari
  • Il 50% di loro è attento al dato Eco-friendly e alla ricerca di sostenibilità
  • Cibo, fitness ed elettronica sono le categorie di punta
  • Contactless, moneta digitale e realtà aumentata sono solo la punta dell’iceberg della futura (prossima) svolta di innovazione e customer-experience (gli investimenti in AI-7,3 mld di dollari entro il 2022 BusinessWire)

Business ticonfronto ha pensato proprio a tutte quelle realtà che di strumenti innovativi non sono dotate o che hanno ancora difficoltà a immaginarsi attività competitive anche sul piano digitale.

Sostenere i costi dell’innovazione non è cosa per tutti e nonostante gli interventi (pubblici e privati) si registrano ancora forti disuguaglianze e, business che pure lo meriterebbero rischiano (come è successo negli ultimi periodi) di chiudere o di trovarsi in difficoltà.

Il nostro è un modello che si ispira a quello di Amazon. Le classifiche e i prodotti presenti sul nostro portale sono volutamente elaborate sull’afflusso di dati che proviene dall’affiliazione con Amazon e ci permettono di offrire ai nostri utenti solo il meglio. I servizi di consulenza e le competenze del team ci hanno permesso di costruire pacchetti per guidare le aziende a vendere online secondo le proprie identità e specificità, differenziabili.

Abbiamo dato vita a LOCAL

Alcune edificanti letture che mi sono state utili per il post:
10 statistiche e-commerce di oberlo.it
Amazon spiegata in 5 grafici
Come guadagna Amazon

[Crediti foto Copertina Romain Chollet on Unsplash]